Cronache Marziane


Sottogenere:

Autore: Ray Bradbury

Editore: Mondadori

Disponibile su Amazon

« C’era come un odore di Tempo, Nell’aria della notte. Tomàs sorrise all’idea, continuando a rimuginarla. Era una strana idea. E che odore aveva il Tempo, poi? Odorava di polvere, di orologi e di gente. E che suono aveva il Tempo? Faceva un rumore di acque correnti nei recessi bui d’una grotta, di voci querule, di terra che risuonava con un tonfo cavo sui coperchi delle casse, e battere di pioggia. E, per arrivare alle estreme conseguenze: che aspetto aveva il Tempo? Era come neve che cade senza rumore in una camera buia, o come un film muto in un’antica sala cinematografica, cento miliardi di facce cadenti come palloncini di capodanno, giù, sempre più giù, nel nulla. Così il tempo odorava, questo era il rumore che faceva, era così che appariva. E quella notte – Tomàs immerse una mano nel vento fuori della vettura – quella notte tu quasi lo potevi toccare, il Tempo

Cronache Marziane di Ray Bradbury

Cronache Marziane di Ray Bradbury: il capolavoro di fantascienza, la conquista di Marte come specchio della Terra e delle conseguenze dell’avidità umana.

Cronache Marziane di Ray Bradbury (The Martian Chronicles) è una raccolta di ventotto racconti di fantascienza di Ray Bradbury legati fra di loro dal tema comune della futura esplorazione e colonizzazione del pianeta Marte.
La pubblicazione originale dell’intera collezione di racconti più o meno brevi risale al 1950 e conferisce a Bradbury fama internazionale. Assieme al successivo romanzo Fahrenheit 451, le Cronache sono considerate il capolavoro di Bradbury.
L’ambientazione dei racconti, alcuni dei quali pubblicati su riviste di genere precedentemente all’uscita del volume d’insieme, potrebbero far pensare al ciclo delle Cronache marziane come ad una produzione puramente fantascientifica. Il disinteresse di Bradbury nei confronti della scienza traspare nella scelta delle caratteristiche dei marziani, legate ad un ragionamento più fantasioso che logico, e alla mancanza di dettagli nella descrizione di mezzi di trasporto o strumenti avveniristici utilizzati dai personaggi.
La definizione di ciclo di fantascienza, com’era intesa all’epoca, risulta quindi stretta per questo capolavoro, che si è imposto per meriti che vanno al di là di un genere. Cronache marziane ha infatti legato il suo successo ad un sentimento di nostalgia nei confronti di una vita più vicina alla natura, sebbene incorniciata da un panorama futuristico, e al mito della frontiera e dell’esplorazione.

 
 

Commenti e recensioni: