La casa per bambini speciali di Miss Peregrine


Sottogenere: , ,

Autore: Ransom Riggs

Editore: BUR

Disponibile su Amazon

«Gli alberi si aprirono a mo’ di sipario e d’un tratto eccola lì, avvolta nella nebbia, arroccata su un colle infestato di erbacce. La casa. Capii subito perché i ragazzi si erano rifiutati di accompagnarmi. Il nonno me l’aveva descritta cento volte, ma nelle sue storie era sempre un posto allegro e sereno: grande, labirintica, piena di luce e risate. Invece quello che vedevo ora non era un rifugio contro i mostri, bensì un mostro a sua volta, e mi scrutava famelico dalla cima del poggio.»



La casa per bambini speciali di Miss Peregrine di Ransom Riggs



La casa per bambini speciali di Miss Peregrine di Ransom Riggs: l’originale esordio Urban Fantasy Storico dalle atmosfere da horror gotico.

GUARDA IL BOOKTRAILER

Quali mostri popolano gli incubi del nonno di Jacob, unico sopravvissuto allo sterminio della sua famiglia di ebrei polacchi? Sono la trasfigurazione della ferocia nazista? Oppure sono qualcosa d’altro, e di tuttora presente, in grado di colpire ancora? Quando la tragedia si abbatte sulla sua famiglia, Jacob decide di attraversare l’oceano per scoprire il segreto racchiuso tra le mura della casa in cui, decenni prima, avevano trovato rifugio il nonno Abraham e altri piccoli orfani scampati all’orrore della Seconda guerra mondiale. Soltanto in quelle stanze abbandonate e in rovina, rovistando nei bauli pieni di polvere e dei detriti di vite lontane, Jacob potrà stabilire se i ricordi del nonno, traboccanti di avventure, di magia e di mistero, erano solo invenzioni buone a turbare i suoi sogni notturni. O se, invece, contenevano almeno un granello di verità, come sembra testimoniare la strana collezione di fotografie d’epoca che Abraham custodiva gelosamente. Possibile che i bambini e i ragazzi ritratti in quelle fotografie ingiallite, bizzarre e non di rado inquietanti, fossero davvero, come il nonno sosteneva, speciali, dotati di poteri straordinari, forse pericolosi? Possibile che quei bambini siano ancora vivi, e che – protetti, ma ancora per poco, dalla curiosità del mondo e dallo scorrere del tempo – si preparino a fronteggiare una minaccia oscura e molto più grande di loro?

 
 

Commenti e recensioni: