Ferita letale


Sottogenere: ,

Autore: Andy McNab

Editore: Longanesi

Disponibile su Amazon

«Novembre 1988
Le due eliche del Dornier Do 28 Skyservant ulularono impazzite mentre lasciavamo la pista di decollo di Tempelhof sferzata dalla pioggia, nel buio di Berlino Ovest. Di norma su quegli affari c’è posto per una decina di persone, ma nel nostro erano stati eliminati i sedili e noi quattro sedevamo scomposti a terra, sul gelo dell’acciaio. L’aereo beccheggiava e rollava come un canotto in mezzo alla burrasca. Afferrai una scanalatura della fusoliera spoglia e mi sollevai fino al finestrino. I casi erano due: o Dexter cercava di restare sotto le nuvole o non riusciva a volarci sopra. Laggiù la città luccicava come un albero di Natale, quasi su ogni tetto lampeggiava un’insegna al neon della Mercedes e il quartiere dei night club era l’immenso scenario di uno spettacolo di fuochi d’artificio… Se fossimo usciti vivi da quel lavoro, forse ci saremmo andati anche noi a spararne qualcuno.»

Ferita letale di Andy McNab

Ferita letale di Andy McNab: l’adrenalinica avventura di Nick Stone tra Iran e Russia.

Lincoln, 14 aprile 2009: la cattedrale della città inglese è gremita di ex militari, riuniti per dare l’ultimo saluto a Tenny, uomo e soldato eccezionale, caduto in azione. Non manca proprio nessuno al funerale, neppure Nick Stone, l’ex SAS britannico in genere refrattario a raduni e rimpatriate, che cerca in quella folla i due amici più cari, Ken il Rosso e Dex. Con loro e con Tenny ha affrontato una missione pericolosa nella Germania dell’Est poco prima del crollo del Muro. Ora che si sono ritrovati, i suoi due vecchi compagni, Ken il Rosso e Dex, gli propongono di tornare in azione insieme, e Nick Stone non sa dire di no. Il piano, per i suoi due amici, è semplice: in un magazzino a Dubai si trovano, praticamente incustodite, due porte d’oro che Saddam Hussein si è fatto costruire prima della seconda guerra del Golfo. Si tratta di rubarle e consegnarle su una pista d’atterraggio al misterioso committente del furto. Un’azione rischiosa, minata da troppe variabili, come Stone sa fin troppo bene. Infatti, qualcosa va storto e i suoi due amici ci rimettono la vita. Solo Stone si salva e decide di vendicarli, sperando così di placare il senso di colpa per non aver saputo proteggerli. Ma le cose si complicano ulteriormente quando gli viene affidata una missione pericolosissima, che lo porterà nel cuore di una cospirazione internazionale, aiutato solo da un’avvenente giornalista russa…

 
 

Commenti e recensioni: