Uno studio in rosso – Il segno dei quattro


Sottogenere:

Autore: Conan Doyle

Editore: eNewton

Disponibile su Amazon

«Dalle unghie di una persona, dalla manica della sua giacca, dai suoi stivali, dal ginocchio dei pantaloni, dalle callosità sul pollice e l’indice, dalla sua espressione, dai polsini della camicia – da ciascuna di queste cose traspare chiaramente l’attività che quella persona svolge. E che, da tutte insieme, un investigatore competente non possa risalire a un quadro d’insieme, è pressocché inconcepibile.»

(Uno studio in rosso – Sir Arthur Conan Doyle)

Uno studio in rosso è il romanzo in cui esordisce l’indimenticabile figura di Sherlock Holmes. Attraverso il racconto del dottor Watson, che diverrà suo inseparabile socio e amico, impariamo a conoscere i singolari metodi di indagine di questo infallibile detective. Ne Il segno dei Quattro il mistero e l’intreccio narrativo si dipanano tra la grigia e nebbiosa Londra e il caldo arcipelago delle Andamane. Mentre il romanzo d’esordio passò quasi inosservato, il secondo fu accolto da un successo di pubblico tale da costringere Conan Doyle a scrivere per quarant’anni sempre nuove avventure con protagonista il suo Sherlock Holmes. La scienza della deduzione e il rigore di una razionalità inflessibile hanno fatto della creatura di Doyle il paradigma dell’investigatore letterario, un mito che sembra destinato a non tramontare mai.

«Nell’anno 1878, conseguita la laurea in medicina alla London University, mi recai a Netley per seguire il corso di specializzazione come chirurgo militare. Completati i miei studi, fui regolarmente distaccato presso il Quinto Corpo Fucilieri del Northumberland in qualità di assistente chirurgo. All’epoca, il reggimento era di stanza in India e, prima che io potessi raggiungerlo, era scoppiato il secondo conflitto afghano. Sbarcando a Bombay, venni a sapere che il mio reparto aveva già attraversato i passi ed era ormai all’interno del territorio nemico. Molti altri ufficiali si trovavano, comunque, nella mia stessa situazione. Seguimmo quindi il reparto e riuscii a raggiungere sano e salvo Candahar, dove mi ricongiunsi al mio reggimento assumendo subito le mie nuove funzioni.»

(Uno studio in rosso – Sir Arthur Conan Doyle)

 
 

Commenti e recensioni: